Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - Sezione di Genova

Studiare le profondità dello spazio dagli abissi del mare

124 124 people viewed this event.

Le profonditá del mare sono uno dei luoghi ancora più inesplorati del nostro pianeta, ma proprio in questi abissi possiamo trovare una connessione tra gli oggetti astrofisici delle profonditá dello Spazio e i grandi mammiferi marini. Negli abissi del Mediterraneo si sta costruendo il più grande telescopio sottomarino mai esistito: KM3NeT. Questo rivelatore è stato progettato per la misura di neutrini prodotti da sorgenti astrofisiche. L’apparato sarà diviso in due blocchi al largo di Capo Passero (Sicilia) e al largo di Tolone (Francia), a profondità rispettivamente di 3500 m e 2500 m. I due blocchi saranno composti da oltre 60000 sensori disegnati per la rivelazione della ‘impronta’ luminosa rilasciata dall’interazione dei neutrini. Tuttavia è necessario conoscere con grande precisione la posizione di ogni sensore e per questo motivo KM3NeT è dotato di un sistema di emettitori-ricevitori acustici. Questo network di microfoni viene utilizzato primariamente per questo tipo di calibrazione, ma registra anche tutti i suoni ambientali degli abissi del Mediterraneo, come le vocalizzazioni dei grandi mammiferi marini, come capodogli, balene e delfini. La rivelazione acustica delle vocalizzazioni e la foto-identificazione permettono ai ricercatori di riconoscere le diverse specie e i singoli esemplari di ogni specie, come fossero una sorta di impronta digitale.

Relatore: Matteo Sanguineti

Per iscriverti all'evento invia per email i tuoi dati iole.fisicaro@unige.it

Iscriviti usando webmail: Gmail / AOL / Yahoo / Outlook

 

Data e ora

2023-09-29 @ 20:40 to
2023-09-29 @ 21:00
 

Location

 

Tipologie di evento

 

Categoria dell'evento

Share With Friends