Università di Trieste

Scienza in Piazza: AMBIENTE E NATURA

99 99 people viewed this event.

GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE – Villaggio Trieste Città della Conoscenza

Non si può non trattare di ambiente e natura in una manifestazione che ha come tema principale gli Obiettivi dell’Agenda 2030.

A partire dalla nostra Terra stessa, vista dal punto di vista geologico:
 il gruppo di ricerca e monitoraggio sismologico (SeisRam) sarà presente in piazza con uno spazio dedicato alla scoperta dei terremoti e della gestione del rischio sismico. Sarà possibile sperimentare di persona, attraverso il “gioco del martello”, come funziona una centralina di monitoraggio sismico e capire come si creano le mappe di scuotimento. Per i più piccoli ci saranno i laboratori per scoprire l’importanza della sicurezza degli edifici antisismici durante un terremoto, sperimentando cosa accade ai modellini di edifici. 

A cura di Dipartimento di Matematica e Geoscienze, Gruppo SeisRam – Gruppo di ricerca e monitoraggio sismologico

Geologia e salute sono anche al centro di un’esposizione dedicata al mercurio, e in particolare alla sua presenza nel nostro organismo. L’attività prevede un mini Laboratorio portatile in cui si potranno analizzare i capelli del pubblico in tempo reale. L’esposizione umana al mercurio viene infatti stimata attraverso analisi nei capelli, nelle urine o nel sangue. Il risultato del test potrà essere unito, dopo la compilazione di un questionario, ad alcune informazioni fornite dal donatore, evidenziando l’importanza di una dieta bilanciata. A cura del Dipartimento di Matematica e Geoscienze, gruppo di ricerca MercuRILab, in collaborazione con Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche e Unità Clinico Operativa di Medicina del Lavoro del Dipartimento Universitario Clinico di Scienze Mediche Chirurgiche e della Salute 


Dal mercurio al grafene, e le opportunità e i rischi legati a questo innovativo nanomateriale a base di carbonio, idoneo per diverse applicazioni elettroniche e biomediche. Il progetto “Graphene Flagship” è la seconda più vasta iniziativa europea nella ricerca, il cui obiettivo è individuare nanomateriali a base di grafene per varie applicazioni tecnologiche e verificarne la sicurezza. Verranno presentate le principali ricerche condotte presso l’Università di Trieste e la SISSA, volte a valutare se l’innovazione dei nanomateriali si accompagni alla sicurezza per il futuro utilizzatore e alla sostenibilità ambientale. A cura del Dipartimento di Scienze della Vita, in collaborazione con Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche, SISSA e IIT Istituto Italiano di Tecnologia

Il mare: la sua salute è una priorità per tutti noi, e per l’Agenda 2030 (Obiettivo 14). A questo mira anche il progetto sulle tossine algali EMERTOX: Emergent Marine Toxins in the North Atlantic and the Mediterranean: le tossine marine di origine algale, infatti, possono indurre effetti avversi nelle persone attraverso diverse vie di esposizione. La gestione del rischio è basata sul loro tempestivo rilevamento con metodi rapidi e sensibili, alcuni realizzati presso il Laboratorio di Farmacologia e Tossicologia delle Sostanze Naturali del Dipartimento di Scienze della Vita, partner di questo progetto. A cura del Dipartimento di Scienze della Vita

Chiunque abbia fatto il bagno nei nostri mari negli ultimi anni avrà sicuramente “incontrato” noci di mare e meduse: esaminiamo le caratteristiche biologiche e le interazioni ambientali indotte da attività umane che hanno conseguenze sulle meduse (alterazione delle coste, sforzo di pesca ecc.), analizzando anche gli effetti delle ustioni da contatto e il loro trattamento. I partecipanti potranno anche collaborare alla ricerca di Citizen Science (un approccio innovativo alla ricerca che coinvolge attivamente la cittadinanza) segnalando avvistamenti di vari organismi presenti nei nostri mari. A cura del Dipartimento di Scienze della Vita, in collaborazione con l’OGS

I pregiudizi purtroppo non hanno confini, ed esistono anche a livello ambientale: come altre forme di pregiudizio come il razzismo o il sessismo, anche lo specismo si manifesta attraverso stereotipi sedimentati nel nostro linguaggio (es. cervello di gallina) e dipendenti dalla cultura di appartenenza (es. mucca in India vs paesi occidentali). Le attività interattive di Citizen Science proposte in questo spazio sono mirate a far superare il pregiudizio, una verso gli insetti e una verso i polli domestici. Per i più piccoli, il Gioco del pollo permette di scoprire le capacità di questi animali. A cura del Dipartimento di Scienze della Vita, in collaborazione con la Casa delle Farfalle di Bordano

 

Per iscriverti all'evento visita il seguente URL:

 

Data e ora

24/09/2021 h. 16:00 to
24/09/2021 h. 22:00
 

Tipologie di evento

 

Categoria dell'evento

 

Event Tags

Share With Friends